Diagnosi e cura delle apnee ostruttive del sonno
Polisonnografia

Come si fa diagnosi di apnea nel sonno

Monitoraggio cardio respiratorio o Polisonnografia
La diagnosi di apnea nel sonno non è solo clinica, ma necessita di una conferma strumentale attraverso un'indagine notturna con il Monitoraggio cardio respiratorio comunemente chiamato anche Polisonnografia o Poligrafia. È un esame non invasivo, che viene effettuato durante tutta la notte e che consiste nella registrazione continua e simultanea dei parametri respiratori, cardiaci, posizionali e dello stato di ossigenazione del sangue al fine di determinare la reale presenza di Apnee e Ipoapnee e le alterazioni che eventualmente queste comportano a livello dell'apparato cardio-respiratorio e del sonno.

Nello specifico si tratta di una fascia toracica per la rilevazione dei movimenti del torace, una fascia addominale che registra i movimenti dell'addome, una cannula nasale che registra il russamento ed il flusso dell'aria all'interno delle narici, un saturimetro che registra la saturazione di ossigeno, un sensore di posizione che registra i vari cambi di posizione del paziente ed un sensore ECG per il monitoraggio della frequenza cardiaca.

Una volta raccolte tutte le informazioni sulla qualità e sulla quantità del tuo sonno, la dottoressa Liliana Muffolini valuterà le tue caratteristiche anatomiche e ti guiderà a completare l'iter diagnostico prescrivendoti l'esecuzione di questo esame notturno (polisonnograļ¬a), che si svolgerà presso il tuo domicilio nel giro di pochi giorni e sarà indispensabile per fornire indicazioni sul numero e sulla natura delle apnee e sulla qualità della tua ossigenazione notturna.
Questo permetterà di fare così diagnosi certa, ma anche di conoscere la gravità del quadro.
Saturimetria notturna con rilevamento posizione
Saturometria notturna
La Saturimetria Notturna è un esame di semplice esecuzione che si effettua presso il proprio domicilio, che consente di valutare l'andamento dell'ossigenazione del sangue e della frequenza cardiaca nel sonno. Il dispositivo in dotazione presso lo studio della Dott.ssa Muffolini L. consente contemporaneamente di rilevare anche la posizione del paziente durante il sonno ed è a volte utilizzato come primo screening o come controllo intermedio nel corso di terapia.